IL BORGO

Borgo dé Brandi è stato restaurato di recente, all’interno di un progetto votato a mantenerne immutate le caratteristiche architettoniche originali e preservare l’atmosfera di un luogo che da 800 anni è il cuore culturale e spirituale di Monteriggioni, incantevole borgo a due passi da Siena.

Meta ideale per visitare il Chianti da una prospettiva unica, Borgo dé Brandi è stato progettato in modo da farvi sentire “di casa” sin dal vostro arrivo. Potrete immergevi da subito in un’atmosfera degna delle migliori miniature medievali, con la piazzetta tipica dei borghi toscani, il pozzo che si staglia nel centro e la piccola cappella del vecchio monastero.

Il tutto a due passi dai sentieri che un tempo facevano parte della via Francigena toscana, strada storica che durante il Medioevo collegava il nord della Francia con Pisa, Roma e Brindisi, da dove i collegamenti marittimi permettevano di raggiungere Gerusalemme e la Terra Santa. Nei secoli è stata percorsa da pellegrini, mercanti e uomini di Chiesa, ma anche re e imperatori, diventando nel tempo la più importante strada europea. Oggi è un simbolo tangibile di un continente che per certi versi non c’è più, che sa unire e non dividere, che con lo sguardo osserva contemporaneamente il Mediterraneo e il Mare del Nord. Il tratto toscano della via Francigena è uno dei più incantevoli in assoluto e comprende, tra gli altri, San Gimignano e Gambassi a nord, Siena a sud, e ovviamente anche Monteriggioni.   

Borgo dé Brandi sovrasta ancora le suggestive colline del Chianti senese, terra di un fascino ammaliante che per millenni ha accolto viandanti e genti da tutta Europa e oggi fa lo stesso con i turisti alla ricerca di un benessere e di un relax esclusivo.

Borgo dé Brandi: la meta ideale per una vacanza nel Chianti

Borgo dé Brandi è un luogo dell’anima, prima ancora che una destinazione turistica immersa nella meraviglia del Chianti toscano. Ogni mattina a darvi il buongiorno sarà il profumo delle torte fatte in casa, la fragranza della schiacciata toscana, o il sapore inconfondibile del pecorino di Piena da accompagnare ad altri prodotti tipici locali.

Qui è possibile lasciarsi alle spalle il caos cittadino e la frenesia del lavoro, e progettare così uno splendido weekend di relax e benessere. Buon cibo, paesaggi mozzafiato, itinerari unici sono solo alcune delle meraviglie che vi stanno aspettando. Ma non è tutto. Chi non rinuncia mai a tenersi in forma troverà ad attenderlo una splendida piscina a sfioro tra olivi e il frutteto, oppure potrà incamminarsi e percorrere uno dei numerosi sentieri destinati agli amanti del trekking, mentre le scuderie situate poco lontano da Borgo dé Brandi vi permetteranno di scegliere un emozionante percorso a cavallo alla scoperta del territorio attorno a Monteriggioni.

Il recente restauro di Borgo dé Brandi ha permesso di valorizzare gli ambienti pur senza intaccare minimamente la struttura originaria. Così facendo, oggi l’ex monastero è stato diviso in appartamenti che possono accogliere famiglie, coppie e singoli che desiderano visitare il Chianti e i dintorni di Siena da una posizione privilegiata e tranquilla. Un luogo silenzioso dove potersi dedicare alla lettura, alle passeggiate, al relax esclusivo immersi in una splendida piscina panoramica o seduti nell’ampio giardino. Infine, per chi sente la necessità di non disconnettersi totalmente dal mondo esterno, o vuole lavorare in tranquillità, lontano dalla monotonia dell’ufficio, è disponibile il Wi-Fi gratuito.      

Un luogo storico nel cuore della Toscana

Borgo dé Brandi, già conosciuto nel medioevo con il nome de “La Caminata”, si trova infatti nel cuore del Chianti senese, in una posizione un tempo al confine tra le repubbliche di Firenze e Siena. Il Borgo è situato esattamente di fronte a Monteriggioni, come già ricordano le cronache del tempo

“…Non molto lontano dal Castello di Monteriggioni, su un ripiano di terreno a sinistra della Via Fiorentina e ai piedi delle selvose vallate del vicino Montemaggio, vedonsi gli avanzi di un vetusto Eremo, poi monastero, consistenti in una casa colonica con più moderno Oratorio detto della Caminata…”.

Il luogo dove oggi sorge il relais è stato anticamente un eremo, poi divenuto oratorio e infine convento. Si trovava sull’antica strada che, diramatasi dall’antica via Fiorentina, si dirigeva a Volterra passando per Colle di Val d’Elsa. L’eremo venne in seguito intitolato a San Bartolomeo dei Padri Servi di Maria, uno dei primi monasteri di quest’ordine religioso le cui origini risalgono alla Firenze del 1233. Da subito l’importanza del Borgo fu riconosciuta, anche a livello ufficiale, tanto che nel 1259 i religiosi che avevano scelto di vivere qui iniziano a ricevere soccorsi ed elemosine da Siena. Non passò molto tempo e già nel 1322 l’eremo venne trasformato in un convento. Un luogo solitario, silenzioso, di grande ricchezza spirituale e umana, che non venne mai abbandonato dai suoi ospiti, se non negli ultimi periodi della Repubblica di Siena. Quando i soldati dell’Imperatore Carlo V, appoggiati da Firenze, occuparono militarmente l’area attorno a Monteriggioni e misero tutto a ferro e fuoco. In quell’occasione, il Priore e i suoi confratelli dovettero abbandonare il Convento della Caminata e rifugiarsi altrove fino alla fine delle ostilità.

Il Borgo vide i secoli trascorrere, ma la sua magia rimase immutata. Fino a quando, il 28 settembre 1549 il reverendo Padre Generale dell’Ordine, Frate Agostino Bonucci di Arezzo, decise di sopprimere il monastero e trasferirlo da Monteriggioni a Siena. Nello stesso anno i terreni furono dati in affitto per tutta la vita a tale Francesco da Siena, e il Convento della Caminata perse la sua funzione originale di culla spirituale di Monteriggioni e del Chianti senese. Il 14 agosto 1561, la struttura e i beni ospitati furono affidati a Fra Giuseppe da Lucca. In seguito, le cronache riportano di restauri effettuati a partire dal 1853. In seguito, quello che era stato il convento venne trasformato in una fattoria, poi caduta nel dimenticatoio. Per questo motivo, possiamo ben dire che l’ultima opera di restauro e la trasformazione dell’ex convento in una struttura ricettiva è prima di tutto un atto d’amore nei confronti di un luogo sacro e di un territorio che da sempre sa affrontare le esigenze del presente in modo rispettoso, riconoscendo il valore del passato e senza stravolgerlo in nome di una modernità frettolosa e smemorata.     

Borgo dé Brandi è tutto questo e molto altro ancora. Un luogo incantato che saprà accogliervi nel migliore dei modi e garantirvi la vacanza dei vostri sogni in Toscana. La meta ideale per un weekend all’insegna del relax, per un business meeting o per organizzare una festa privata o un matrimonio unico e irripetibile.

affittare-casa-vacanze Il Borgo
affittare-casa-vacanze Il Borgo
agriturismo-chianti Il Borgo
agriturismo-monteriggioni Il Borgo
chianti-cosa-vedere Il Borgo
offerte-toscana-1 Il Borgo
residence-in-affitto-siena Il Borgo
soggiorno-toscana Il Borgo
vacanze-brevi-in-toscana Il Borgo
vacanze-siena Il Borgo
weekend-toscana Il Borgo
affittare-casa-vacanze Il Borgo agriturismo-chianti Il Borgo agriturismo-monteriggioni Il Borgo chianti-cosa-vedere Il Borgo offerte-toscana-1 Il Borgo residence-in-affitto-siena Il Borgo soggiorno-toscana Il Borgo vacanze-brevi-in-toscana Il Borgo vacanze-siena Il Borgo weekend-toscana Il Borgo

I SERVIZI

barbecue Il Borgo

concierge Il Borgo

sala-lettura Il Borgo

piscina-panoramica Il Borgo

trekking Il Borgo

giardino Il Borgo

biciclette-mtb Il Borgo

parcheggio Il Borgo

riassetto-delle-camere Il Borgo

wifi-gratuito Il Borgo

prima-colazione Il Borgo

lavanderia Il Borgo

LA STORIA

Borgo de Brandi (già “La Caminata”) si trova in una posizione strategica tra i territori delle medioevali repubbliche senese e fiorentina, così come il vicino Castello di Monteriggioni
“…Non molto lontano dal Castello di Monteriggioni, su un ripiano di terreno a sinistra della Via Fiorentina e ai piedi delle selvose vallate del vicino Montemaggio, vedonsi gli avanzi di un vetusto Eremo, poi monastero, consistenti in una casa colonica con più moderno Oratorio detto della Caminata…”.

L’Eremo, che poi divenne un oratorio e un convento, si trovava sull’antica strada che si diramava dalla via Fiorentina e si dirigeva a Volterra, passando per Colle di Val d’Elsa. L’Eremo venne intitolato a S.Bartolomeo, dell’ordine dei Padri Servi di Maria, uno dei primi monasteri di quest’ordine religioso istituito a Firenze nel 1233. Nel 1259 i religiosi, che qui dimoravano, ebbero soccorsi ed elemosine dal Comune di Siena. L’Eremo divenne poi un convento intorno al 1322.
A causa delle scarse rendite, per i danni avuti dalle scorrerie nemiche e specialmente negli ultimi tempi della Repubblica di Siena, quando i soldati dell’Imperatore Carlo V, appoggiato dai Fiorentini, misero tutto a ferro e a fuoco, il Priore e i suoi religiosi confratelli lasciarono il convento.
Con deliberazione del 28 Settembre 1549 il Reverendo Padre Generale dell’Ordine Fra Agostino Bonucci di Arezzo soppresse e incorporò definitivamente il monastero all’altro di Siena dello stesso Ordine.
Nello stesso anno i terreni del monastero furono dati in affitto a vita natural durante a tal Francesco da Siena.Il 14 Agosto 1561 lo stesso Convento della Caminata con i suoi beni annessi, fu nuovamente affittato a vita a Fra Giuseppe da Lucca. Restauri furono effettuati a partire dal 1853. Il convento fu poi definitivamente trasformato in fattoria fino a diventare l’attuale struttura ricettiva “Borgo de Brandi”.

LA VIA FRANCIGENA

borghi-medievali-del-chianti-300x279 Il BorgoLa via Francigena (o via Romea) è una storica strada, o meglio un tracciato di strade, che dal nord della Francia giungeva fino a Roma, sede Papale, con una diramazione che portava a Pisa e un’altra che arrivava fino a Brindisi: entrambi porti di imbarco per Gerusalemme e la Terra Santa. Il suo percorso storico fu iniziato dall’Arcivescovo Sigerico che nel 994 partì in pellegrinaggio da Canterbury, Inghilterra. Fu percorsa nei secoli da pellegrini, mercanti, religiosi, ma anche da re e imperatori, divenendo nel tempo la più importante strada europea che collegava il Mare del Nord al Mediterraneo unendo popoli e culture diverse.
Il tratto toscano di questa strada è uno dei più incantevoli per la bellezza dei suoi borghi, delle città e dei paesaggi. Comprende, tra San Gimignano e Gambassi a nord e Siena a Sud, anche Monteriggioni e sfiora Borgo de Brandi.
Per saperne di più: www.viefrancigene.org

This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.